Blue Monday : cos’è e soprattutto c’è un fondamento scientifico ?

Secondo uno psicologo di Cardiff , Cliff Arnald , il terzo lunedì di Gennaio è il giorno più triste dell’anno . La teoria ha di base un complesso calcolo matematico e a molti sembra l’ennesimo studio insensato e campato in aria . In realtà non è così .
Oltre ai classici malanni di stagione sempre più spesso capita di avvertire un generale senso di tristezza accompagnato da stanchezza ed irritabilità , soprattutto dopo le festività natalizie .
Questo senso di malessere è stato chiamato “Winter Blues” ed ha delle cause scatenanti ben precise : la riduzione delle ore di sole , le temperature rigide che inevitabilmente portano a trascorrere più ore in casa , riducendo talvolta le interazioni con parenti e amici e anche il movimento .
Generalmente questo malessere sparisce da solo con l’arrivo della primavera , ma in attesa della bella stagione è possibile ovviare il problema con dei piccoli accorgimenti .
Una corretta alimentazione è sempre consigliata , ma in questo caso specifico è ancora più importante integrare l’alimentazione con cibi ricchi di serotonina e triptofano , che regolano l’umore ed il sonno . Tra i cibi con un buon apporto di queste sostanze ricordiamo il cioccolato , noci , banane , mandorle uova , kiwi , pomodoro , peperoncino ed anche i semi di zucca .
Fondamentale è una regolare attività fisica , anche leggera : durante il movimento il corpo elimina tossine e sprigiona le endorfine , anch’esse regolatrici dell’umore .

 Avere una vita sociale ricca e soddisfacente (L’uomo è un animale sociale – Aristotele -) , uscire preferibilmente nelle ore diurne ( il sole “fissa” la vitamina D e attiva la serotonina , migliorando proprio l’umore ) .

Dunque c’è un fondo scientifico in questa teoria e una vita sana può aiutare a fronteggiare le problematiche correlate .

Facebook Commenti
Blue Monday : cos’è e soprattutto c’è un fondamento scientifico ? ultima modifica: 2017-01-13T09:30:08+00:00 da Rosaria Scotto

Rispondi