Oleolito di Calendula Officinale : proprietà e preparazione

oleolito calendulaLe foglie e i fiori freschi della Calendula Officinale possono essere impiegati in gustose e colorate insalate . Mentre i fiori tagliati a metà ed essiccati per farne un oleolito lenitivo , cicatrizzante , antinfiammatorio ed antisettico . La fioritura della calendula è piuttosto lunga (da primavera in autunno ) , tuttavia il periodo balsamico , ovvero quello in cui una pianta officinale presenta la più alta concentrazione di principi attivi , sono il mese di Aprile e di Settembre , quindi si consiglia di raccoglierli se possibile in questi mesi .
E’ preferibile usare un buon olio extravergine di oliva perchè difficilmente irrancidisce con fiori precedentemente essiccati per evitare che l’acqua presente nel fiore possa far andare a male l’oleolito . Si inseriscono i fiori secchi compressi in un vaso con coperchio e si ricoprono con l’olio con un rapporto in termini di peso tra fiori ed olio di 1:10 . Esporre al sole per tre settimane il barattolo , ma , come abbiamo consigliato per l’oleolito di iperico , il barattolo deve essere coperto , in quanto l’olio è fotosensibile   . Filtrare l’oleolito con una garza sterile , strizzando bene i fiori . Riporlo in un recipiente di vetro scuro .
Può essere usato fino ai due anni successivi , se opportunatamente conservato . Si utilizza applicando l’oleolito sulla parte da trattare possibilmente senza sfregare in caso di ferite o lesioni della pelle .

Potrebbero interessarti anche :

Semi di Calendula Officinalis

Oleolito di Calendula

Facebook Commenti
Oleolito di Calendula Officinale : proprietà e preparazione ultima modifica: 2016-09-05T14:55:07+00:00 da Rosaria Scotto

1 Trackback

Rispondi