Kokedama: i mini giardini pensili da appartamento

kokedamaIn un post precedente abbiamo parlato del muschio e di una tecnica per coltivarlo per uso decorativo. Un impiego molto decorativo ed anche molto di tendenza è sicuramente il kokedama: un compromesso tra design e la classica pianta in vaso da appartamento. In giapponese significa proprio “palla di muschio”: si tratta, infatti, di una pianta (da appartamento) che non ha vaso , ma affonda le sue radici in una palla di terriccio e argilla (akadama), ricoperta di muschio.
Pare siano la moda del momento e acquistati in garden specializzati, possano costare anche diverse centinaia di euro, in base alle dimensioni e al tipo di pianta. Possono essere sospesi con dei fili di nylon o, nei modelli più costosi, a levitazione magnetica:  sono presenti due magneti (uno nella palla di muschio e uno nella base) che si respingono, creando un effetto levitazione molto scenografico.
Realizzarlo, almeno nella versione con fili, non è complesso.
Occorre mescolare il terriccio comune con quello argilloso e, bagnando con acqua, creare una palla.
Successivamente si pratica un foro nella palla sufficientemente largo da poter inserire le radici della pianta. Poi si ricopre la palla con il muschio, tenendolo ben saldo con l’aiuto di un po’ di spago o del filo di nylon trasparente con il quale sarà possibile anche tenere in sospensione il kokedama. Chiaramente lo spago rende il kokedama più “rustico”, mentre il nylon più elegante.
Tutti i materiali sono facilmente reperibili nei garden specializzati in bonsai.
Un’alternativa più pratica è utilizzare una spugna da fioraio a forma sferica al posto della terra e argilla e procedere come sopra. Le piante più adatte per realizzare i kokedama sono varietà perenni, adatte alla vita in appartamento, con non troppe esigenze di luce e con piccole dimensioni.
Il kokedama  andrà periodicamente immersione completamente nell’acqua o nebulizzato in caso di pianta grassa.

 

Facebook Commenti
Kokedama: i mini giardini pensili da appartamento ultima modifica: 2016-07-31T08:00:46+00:00 da Rosaria Scotto

1 Trackback

Rispondi