Come prolungare la vita dei fiori recisi

bouquet<< Se ami un fiore, non raccoglierlo. Perché se lo raccogli, esso muore e cessa di essere ciò che amavi. >>

Partendo dalle sagge parole di Osho , concordiamo tutti sulla bellezza di un fiore non reciso , ancora sulla sua pianta . Tuttavia può capitare di riceverli in dono e di voler conservare questo gradito omaggio quanto più a lungo possibile .

Ci sono pochi semplici accorgimenti da non trascurare . Bisogna immergere il bouquet in acqua il prima possibile . Immergere solo metà del gambo , in quanto l’acqua da una parte idrata , ma dall’altra favorisce i processi di marcescenza . A tal proposito l’acqua deve essere sempre pulita . E’ fondamentale rimuovere le foglie nelle parti basse dei gambi che andranno in immersione , perché sono le prime parti a marcire .

Anche tagliare frequentemente i gambi con forbici ben affilate in modo obliquo favorisce un miglior assorbimento dell’acqua , prolungando la freschezza dei fiori . Per ridurre la prolificazione dei batteri e le muffe che favoriscono la marcescenza dei fiori si consigli anche di inserire nell’acqua un antibatterico naturale come l’aceto ( un cucchiaio per ogni litro d’acqua ) o in alternativa poche gocce di candeggina o mezza pasticca di aspirina ( anche scaduta ) . Chiaramente il calore velocizza i processi di deterioramento dei fiori , quindi sarebbe preferibile conservare i fiori lontano da fonti di calore .

Ma se prolungare la vita dei fiori recisi non basta , ma l’intenzione è quella di conservarli nel tempo , si possono adottare diverse tecniche .

La più utilizzata è l’essiccazione a testa in giù del bouquet come si farebbe con un mazzetto di aromatiche , disponendolo in un luogo fresco ed asciutto per qualche mese . In alternativa si possono essiccare pressandoli in una pila di libri o in un’apposita pressa . Oppure immergendo i fiori e le foglie in un agente essiccante natura come la sabbia . O , ancora , utilizzando l’essiccatore o il forno a basse temperature .

Tutti i tipi di essiccazione annoverate finora sono naturali , ma hanno l’inconveniente di non preservare la brillantezza dei colori .

A onor del vero , ci sono anche metodi casalinghi non naturali , come l’uso della glicerina o del gel di silice , ma li sconsigliamo . I fiori che subiscono il trattamento con la glicerina sono chiamati ” fiori stabilizzati ” perché mantengono inalterate le caratteristiche del fiore per anni ( colori , profumi e consistenza ) , come una sorta di imbalsamazione e non sono nemmeno compostabili !

 

Facebook Commenti
Come prolungare la vita dei fiori recisi ultima modifica: 2016-11-13T10:05:08+00:00 da Rosaria Scotto

Rispondi